Resistere, Resistere, Resistere

Resistenza alla dittatura interNazi[onalsociali]sta = Resistenza all'invasione straniera = Resistenza al genocidio del popolo italiano




mercoledì 29 giugno 2011

Mai avuta una fidanzata negra; sono razzista?

Pensavate a un’adozione? Complimenti. È un intento generoso che vi fa onore. Meglio che lo sappiate subito, però: guardatevi bene dall’immaginarvelo anche solo a grandi linee, l’aspetto fisico di quel piccino che potrebbe entrare in casa vostra per cominciare una convivenza che, dopo un congruo periodo di prova, lo porterà a diventare a tutti gli effetti vostro figlio. Se la richiesta della procura generale della Cassazione verrà accolta, ed è assai probabile che lo sia, in futuro non sarà più possibile esercitare alcun diritto di scelta, riguardo ai bimbi da adottare. Si accetterà quello che capita, secondo l’imperscrutabile volere del Fato (o della burocrazia), e ci si ritirerà di buon grado, ringraziando commossi e senza la più piccola perplessità sulla provenienza geografica o sul colore della pelle.

Stando ai magistrati della Suprema corte, infatti, avere una qualsiasi preferenza su questo genere di caratteristiche costituisce un’inequivocabile dimostrazione di razzismo. E i razzisti, va da sé, è giusto che non adottino nessuno, così da non trasmettere ad altri, e specialmente a degli ignari fanciulli, il loro orribile virus.

Nel caso specifico, in realtà, la coppia siciliana al centro della vicenda giudiziaria si era limitata a porre dei vincoli piuttosto blandi, dichiarandosi pronta “all’accoglienza fino a due bambini, di età non superiore ai 5 anni senza distinzione di sesso e religione”, ma “non disponibile ad accogliere bambini di pelle scura o diversa da quella tipica europea o in condizione di ritardo evolutivo”. Il tribunale di Catania ne aveva preso atto senza problemi, riconoscendo l’idoneità all’adozione di bambini che avessero quei requisiti. Marco Griffini, presidente dell’associazione “Amici dei bambini”, si era invece inalberato, ritenendo che quelle limitazioni avessero una natura «palesemente razzista». Da qui il ricorso. E dal ricorso, in attesa della sentenza definitiva, il parere della procura generale, costellato di richiami ai trattati internazionali cui l’Italia ha aderito e, in primis, a quella “Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale” che è stata approvata dall’Onu il 21 dicembre 1965, nel classico profluvio di roboanti affermazioni di principio e di commendevoli intenzioni che è tipico di questo genere di documenti (vedere per credere: http://www.onuitalia.it/diritti/discriminazione.html).

Il problema, però, è che bisogna stare molto attenti a non confondere la sfera prettamente personale, nel cui ambito le decisioni sono più che mai soggettive, con quella pubblica, che deve sottostare a criteri prefissati e obbligatori. Una coppia che vuole adottare un bimbo non è un’azienda, e men che meno un ministero, che deve assumere un dipendente. Non è che si tratta di una selezione aperta a tutti, purché in possesso dei requisiti di legge. L’adozione è, o dovrebbe essere, basata su una simpatia istintiva, che per sua natura non è certo indiscriminata. Scegliendo un bimbo che mi ricorda le fattezze di un amico, o di un parente, o di qualsiasi altra persona che abbia conosciuto e che mi sia piaciuta, non sto violando il diritto di nessuno. Non sto commettendo un abuso ai danni di chi ha sembianze diverse. Sto semplicemente esercitando il mio potere di scelta in una dimensione delicatissima e, ribadiamolo, più che mai soggettiva, qual è la mia vita privata.

Perché vi sia discriminazione, al contrario, deve esserci la violazione di un diritto specifico del quale è titolare colui il quale viene discriminato. Bene. Il diritto specifico di un bambino abbandonato è quello di ricevere assistenza (la migliore, la più affettuosa) da parte delle pubbliche istituzioni. Non di essere adottato a prescindere dal gradimento, e quindi delle preferenze, dei suoi possibili genitori.

Parlare di razzismo in quest’ambito è pura follia. Altrimenti si dovrebbe usare lo stesso metro di giudizio (di pre-giudizio) anche in campo sentimentale: mai avuto relazioni con un’asiatica, o con un’africana, o anche solo con una polacca? Mi sa che siete prevenuti, belli. Mi sa che siete razzisti.

                                                      Federico Zamboni - La Voce del Ribelle - giovedì, aprile 29, 2010
                                  

Etichette: , , , , , ,

3 Commenti:

  • Alle 15 ago 2011, 08:59:00 , Blogger fedechiara ha detto...

    A naso, mi sento di condivere un buon novanta per cento del pezzo. Però ho in mente il ricordo dell'orfanatrofio che mi ha ospitato da bambino (ospitava anche figli di separati e io ero tra quelli) e rivedo quegli aspiranti-genitori dietro il vetro che indicavano col dito questo o quel bambino quasi fossero pasticcini. Ma convengo che la scelta sia complessa e foriera di future situazioni di conflitto ed è certo il mal minore l'essere scelti sulla base di un pre-giudizio o di una 'preferenza' piuttosto che restare orfani. Buongiorno, Zarco.

     
  • Alle 03 set 2011, 21:47:00 , Blogger Marco Zorzi ha detto...

    La scelta non dipende da pregiudizi o da discriminazioni, ma semplicemente da una preferenza. E la preferenza a sua volta deriva da criteri naturali, istintivi, e non da razzismi o altre idiozie simili. E' la natura. A volte ha i suoi aspetti duri, ma è la vita, questa. Non si può imporre ad una coppia bianca di adottare un bambino nero se non lo vuole, perchè è sano e naturale che ognuno di noi, (così come nella scelta del partner) scelga chi ci è più simile o congeniale, e questo nulla a che vedere col razzismo, altrimenti la prima ad essere razzista sarebbe la natura, che fa nascere da genitori bianche bambini bianchi. Piuttosto chi questo nega o bolla come razzismo, ha molto a che vedere con la stupidità, ma di quelle forti.
    E purtroppo sono tanti, come sempre tanti sono gli stupidi. Grazie caro fede per il tuo commento ispirato ad onestà intellettuale. M.

     
  • Alle 07 giu 2013, 12:29:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

    Ma appunto: cercare un essere simile e congeniale a noi è un ottimo e rispettabile criterio per la scelta di un partner, assolutamente innnaplicabile per la scelta (ossimorico e tristissimo termine) di un figlio! Quando mai i figli si scelgono? Quando mai si può decidere quanto ci assomiglino?
    Premesso ciò, confesso che comunque questa decisione mi lascia molto amaro in bocca. Seppure la condivido in parte, almeno negli intenti, perché finalmente si è levata un voce autorevole contro le adozioni da "catalogo", la trovo una prevaricazione inaccettabile alla sensibilità e alla valutazione oggettiva della coppia. Insomma, in fin dei conti, servità davvero a realizzare adozioni più felici? O alla fine si otterrà solo che i futuri genitori adottivi sopravvalutino la loro capacità di accoglienza per paura di vedersi negata l'adozione?

     

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

 
___________________________________ ___________________________________