Resistere, Resistere, Resistere

Resistenza alla dittatura interNazi[onalsociali]sta = Resistenza all'invasione straniera = Resistenza al genocidio del popolo italiano




sabato 30 agosto 2008

Vendo casa

Vedendo gruppi di turisti, soprattutto asiatici, per le strade di Milano, non ho più come una volta quella sensazione di piacevole scambio culturale e reciproca conoscenza, ma invece la strana impressione di essere come un vecchio proprietario che sta vendendo la propria casa, e che riceve la visita degli acquirenti che vengono a vedere come si starà nel nuovo alloggio.
Milano è morta, con la sua cultura, le sue tradizioni, il suo dialetto.
Semplicemente non esiste più. Distrutta dallo sviluppo capitalistico.
E presto arriveranno i nuovi padroni di casa.

Etichette: , , , ,




martedì 26 agosto 2008

Eroi dell'Italia di oggi




lunedì 25 agosto 2008

I giudizi non sono mai razzismo

-----------------
Prima parte
-----------------
La ministra Gelmini dice che i prof del sud abbassano la qualità e, per questo, dovrebbero frequentare dei corsi.
E' razzista?
Io credo di no.
Molto frequentemente si fa un uso inadeguato del termine “razzista”.
Lo trovo un’accusa facile e un po’ vile.
Di questa parola si stra-abusa.
Sarebbe il caso di ricordare a noi stessi (o forse anche di impararlo per la prima volta!) CHE COSA SIGNIFICA RAZZISMO*. Pare che pochissimi lo sappiano. Io credo che ognuno di noi sia libero di dare di qualsiasi insieme, popolo, o comunità ESATTAMENTE la stessa gamma di giudizi che si permette di dare ai singoli. Se io sono libero di dire o pensare di qualcuno che è uno stronzo, o che è un incivile o un cafone, lo sono esattamente allo stesso modo rispetto ad un GRUPPO di persone (di qualsiasi tipo e genere).
Se ho schifo, come ho schifo, per i berlusconiani, sono forse razzista???
Il GIUDIZIO, è sempre legittimo e deve essere sempre libero! Guai a confonderlo con il razzismo. E guai altresì a confondere col razzismo tantissime altre legittime posizioni e valutazioni che implichino critica, ostilità, e financo rifiuto verso determinati gruppi o comunità, le quali posizioni possono derivare dalle più svariate motivazioni, che SEMPRE vanno tutte considerate e ben ponderate. Il rischio è l'intolleranza intellettuale.
Il punto caso mai è se si sia d’accordo o meno con il giudizio in oggetto!
Non trovo affatto razzista la dichiarazione della ministra, è semplicemente un giudizio. Dopodichè posso essere strenuamente ed accanitamente contrario a quel giudizio, ma non è corretto tacciarla di razzismo.
E' bene ancora ricordare che TUTTI i giudizi andrebbero COMUNQUE valutati ed esaminati serenamente e senza pregiudizi aprioristici, in un modo sereno ed obiettivo.
Ho detto tutto ciò con riferimento ad una persona per cui ho disprezzo (e questo è un giudizio!!), come appunto la ministra Gelmini. In nome dell’obiettività.
* Il razzismo è NEGARE PARITA’DI DIRITTI ad un gruppo, razza, o comunità, in virtù del fatto di considerarla inferiore, (e attenzione,…nemmeno il solo giudizio di inferiorità a mio avviso dovrebbe essere considerato razzismo, perchè è pur sempre un giudizio, ed i giudizi debbono sempre essere liberi!). Il razzismo insomma, è quasi sempre una azione, quasi mai un pensiero. Perchè il pensiero è e deve essere SEMPRE libero, anche nelle sue più estreme estensioni, altrimenti si entra nella censura e nella privazione della libertà di espressione.
Questa non è la libertà di essere razzisti, essendo razzisti, ma appunto la libertà di dare un GIUDIZIO, SENZA essere razzisti.
Un pensiero può essere in sè razzista solo se prefigura come giusta la privazione di parità di diritti nei confronti di un gruppo in quanto tale, considerato inferiore o indegno.
---------------------
Seconda parte
---------------------

Se sono da considerare non legittimi i giudizi su una collettività di persone, perchè lo possono essere analoghi giudizi sui singoli? Che differenza c’è? Fino a che punto si può giudicare una collettività? O è vietato del tutto dare giudizi su comunità o gruppi di persone nel loro insieme?Questa non è forse coartazione del libero pensiero?
In primo luogo le idee sono TUTTE da tollerare, senza limiti, anche quelle razziste, perchè il pensiero deve essere sempre totalmente libero.
In secondo luogo, BISOGNA CAPIRE BENE QUALI siano i giudizi razzisti.
Dire giudizio razzista è già una contraddizione in termini, perchè come tale UN GIUDIZIO NON E’ MAI RAZZISMO, proprio in quanto è un giudizio appunto, ed ognuno è libero di giudicare chi e cosa vuole, come e quando vuole, singoli o gruppi che siano.
I PENSIERI CHE ESPRIMONO UN GIUDIZIO NON SONO MAI RAZZISTI.
I pensieri razzisti sono quelli che propugnano una condotta da adottare.
Ed appunto, come ho già detto, razzismo è soprattutto azione, e quasi mai pensiero.
Attenzione ad intervenire sul pensiero!!!
Il pensiero deve essere sempre libero e legittimo! SEMPRE!
Un domani, potrebbe toccare a noi, a voi!
La viltà a cui mi riferisco è quella dell’impedire l’espressione di un idea etichettandola come negativa a priori in quanto facente parte di una categoria di idee da altri dichiarate NON ESPRIMIBILI (categorie di idee vietate in quanto “razziste”…o, che so io, in altri contesti “comuniste” - vedi caccia alle streghe - o in futuro che so …”integraliste”, e chi più ne ha più ne metta).
Per concludere ribadisco il quadro (l’argomento non è affatto semplice come potrebbe sembrare, tutt’altro):
1. le idee devono sempre essere libere
2. se odiamo quelle idee, possiamo contestarle sul piano sostanziale, ma mai impedire di esprimerle, o tentare di farlo etichettandole in senso negativo a priori, e così vietandole.
3. I GIUDIZI NON SONO MAI RAZZISMO.
In virtù di ciò NON considero razzista la dichiarazione della ministra, ma semplicemente un suo giudizio negativo su un insieme di persone, giudizio, in quanto tale, del tutto legittimo.
Se qualcuno pensa che i professori del sud siano meno preparati di quelli del nord, …sarà pur libero di dirlo, che c’entra questo col razzismo?! Non potrebbe essere vero? E se lo fosse? Comunque, se qualcuno pensa che non sia vero…lo dica: "per me NON E’ VERO"!
Ma affermare che uno è razzista perchè esprime quella convinzione, è sbagliato.
Questo è l'abc della libertà di espressione.

Etichette: , , ,




sabato 23 agosto 2008

Notre Dame

video

Etichette: ,

 
___________________________________ ___________________________________